Archivi categoria: testi

I nastri di Legasov - NASTRO 4, LATO B

I nastri di Legasov – NASTRO 4, LATO B

[ << ] – [ INDICE DEI CONTENUTI ] – [ >> ]

In secondo luogo, una volta riversata la sabbia c’era la questione dell’isolamento termico, portando ulteriori problemi di un possibile riscaldamento dell’area. Quindi vennero introdotti elementi come la dolomite e piombo. Il piombo è difficile da ossidare, mentre la dolomite decade. Dal punto di vista endotermico, il piombo richiede calore per fondersi; anche la dolomite necessità di calore per sciogliersi; SiO2, la sabbia, richiede anch’essa calore per sciogliersi. È così che gran parte del calore è stato assorbito dai processi endotermici. Continua la lettura di I nastri di Legasov — NASTRO 4, LATO B

I nastri di Legasov - NASTRO 4, LATO A

I nastri di Legasov – NASTRO 4, LATO A

[ << ] – [ INDICE DEI CONTENUTI ] – [ >> ]

Furono costruite molte dighe per contenere i detriti contaminati, il fogliame e tutto ciò che aveva contaminato la superficie dell’acqua e impedire così la diffusione della radioattività lungo il Pripyat e il Dnepr. Tutto questo lavoro venne svolto dal Ministero delle Acque sovietico e dal Ministero delle Acque ucraino, il tutto realizzato in un tempo straordinariamente breve. Continua la lettura di I nastri di Legasov — NASTRO 4, LATO A

I nastri di Legasov - NASTRO 3, LATO B

I nastri di Legasov – NASTRO 3, LATO B

[ << ] – [ INDICE DEI CONTENUTI ] – [ >> ]

Tutto questo aveva una qualità irregolare, improvvisata. Da una parte, questo poteva esser spiegato dalla giovinezza di questa branca tecnologica, e da una parte era certamente così; d’altro canto, era anche il riflesso di un modo di lavorare complessivamente e generalmente scorretto. Quando Nikolai Ivanovich pronunciò le sue parole, che illuminarono tutti gli eventi precedenti, realizzai come quelle fossero le parole giuste. Realizzai anche come tutto questo non fosse specifico dell’industria atomica, ma piuttosto la conseguenza del modo in cui il lavoro era complessivamente organizzato, il modo di creare, in modo frettoloso, una nuova branca tecnologica di cui l’economia nazionale necessitava. Continua la lettura di I nastri di Legasov — NASTRO 3, LATO B