ci sono già le fragole


febbraio
ci sono già le fragole
in questa città piena di freddo
di miserie
e di guanti spaiati
rosse, sono
e acerbe
e scialbe
scialbe come questi giorni di gesso
acerbe come questa primavera
che non ci riguarda
ché non è tempo, ché non è aria
e rosse
come i papaveri di maggio
che battono i cigli delle strade periferiche
tra puttane, immondizie, immonde verità
apparse allo sciogliersi della neve che
queste fragole fragili e abusive
non sanno asciugare,
piccoli proiettili primaverili
esplosi a salve
contro noi infreddoliti
noi inermi obiettivi
impazienti
per una fine dell’attesa
che stavolta
non sia come queste,
stupide,
fragole di serra.

firma Ale

[le altre]