dialogo tra innamorati nell’epoca del sapere


– senti un po’, ma lo sai  o no che sei il mio grande immenso amore, pazzesco come solo i pazzi, solare come solo il sole, salato come solo il sale?
– Sì, lo so
– ah, lo sai
– Certo che lo so. E tu sei il mio, lo sai bene
– ah. e lo sai che sei sempre più bella?
– Sì, lo so
– ah. davvero
– Beh, me lo dici spesso
– magari sai anche che ti sceglierei di nuovo, mille volte?
– Sì
– e quanto io ti desideri, lo sai?
– Sì
– e quindi sai pure che ti leccherei tutta anche dopo essere andata a correre in pieno agosto la mezza maratona Roma-Ostia?
– Perché la mezza?
– vabbè intera
– Ah, ok
– e sai che ho finalmente scoperto chi fosse il doppiatore italiano di Actarus nella sesta puntata della seconda serie di Goldrake, unica puntata in cui non fu il solito attore a doppiarlo?
– No, questo non lo sapevo
– lo vedi, non sai mai un cazzo
– Che ci vuoi fare.
– ti lascio, ecco cosa
– Va bene
– ok
– Ciao
– ciao.

firma Ale

(questa fa il paio con quest’altra)