tutti gli altri chi lo sa


io no
non esistevo
ai tempi di Napoleone
ma loro sì
quelle canaglie
dei miei atomi
e stavano
sparpagliati, spettinati
nel vento
del mondo
come semini neri
nel frappé di un ciclope
e tutti gli altri?
tutti gli altri chi lo sa.

sorridi,
neanche tu esistevi
ai tempi
di Giuseppina
ma i tuoi atomi
(come i suoi)
di certo esistevano
e tutti gli altri
tutti gli altri chi lo sa
e tuttavia chissà
se almeno
i miei e i tuoi
si siano mai incontrati
si siano
mai
conosciuti e piaciuti
forse qualcuno
della tua attuale tibia
e qualcuno
parte
del mio seno atriale
si sarà scontrato
un giorno di maggio
in una polpetta al sugo
su un tavolo povero
di Kiev
altri magari
nel caldo rosseggiante
delle fiamme di un incendio
o nel freddo di un metallo
o nella gravità
di una cascata
non ancora scoperta
nelle profondità dell’Africa
e tutti gli altri?
tutti gli altri chi lo sa.

è solo questione di chimica
quando ci tocchiamo
è un ritrovarsi antico
ché i nostri atomi
non noi
loro
si son già conosciuti
non sappiamo quando
figuriamoci come
e si riconoscono
legandosi
come la chimica di
base gli impone
generando
per le nostre
pelli sudate a contatto
la magia
sfrigolante
che c’innamora e ci condanna
e tutti gli altri
tutti gli altri
chi lo sa.

firma Ale

[altre poesie]

CC BY-NC-ND 4.0 tutti gli altri chi lo sa by Alessandro Di Cicco is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License. Permissions beyond the scope of this license may be available at >>> LEGGI una nota dell'autore in merito a questo interessssssantissssssimo tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.