memento


il tuo ricordo
mi aggredisce bastardo mentre salgo le scale
ed è una vertigine
questo tuo ricordo
come quando voli in aereo per la prima volta
o come quando scampi per un pelo
ad un pericolo mortale
o come quella
di quando ti vidi la prima volta
quando arrivasti
come ritardataria goccia
di un temporale estivo
che ormai si spegne.
oh! questo tuo ricordo
immobile sulle scale
inutile stupenda invenzione
che ora, improvvisa
accelera e crolla
come una collina che si sgretola
in massi che rotolano a valle
sulla terra rossa
di ruggine e
sangue.
oh, se tu solo lo vedessi
questo tuo ricordo
fiera come mai
pur senza alcun merito
lo carezzeresti non trasfigurando i fatti
di un tempo brillante e rapido
come una fiamma al fosforo
che solo ora, in ritardo,
ci scotta
la pelle.
oh, questo tuo ricordo
non cercato, ma rinvenuto
quale unico piccolo diamante
dietro un’intera miniera svuotata a mani nude
queste stesse, sanguinanti
che ora frugano nervose in cerca di chiavi
spazzando via dagli occhi
l’allucinazione
di questo tuo
quanto mio
inossidabile
ricordo.

firma Ale

[le altre]

CC BY-NC-ND 4.0 memento by Alessandro Di Cicco is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License. Permissions beyond the scope of this license may be available at >>> LEGGI una nota dell'autore in merito a questo interessssssantissssssimo tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.