Archivi categoria: altro

e niente, questo.

niente ci sarebbe questa novità che è uscito il mio terzo libro.
non fate commenti, ché non ci credo neanche io, indipendentemente dal risultato.

s’intitola “fai fieno finchè splende il sole” ed è un racconto di poesie.
se volete, c’è un estratto gratuito che vi aspetta. lo trovate qui.

ha questa faccia qui (la foto è di Stefano Bellisario, che non ringrazierò mai abbastanza).

"fai fieno finché splende il sole - racconto di poesie"

bene, il mio l’ho fatto, ora vado a piangere in un angolino.

L’antiromanismo spiegato a mio figlio

L’antiromanismo spiegato a mio figlio
(poesia di Valerio Mastrandera post Manchester-Roma 7-1)

“Si a papa’ era sera, era ad aprile
er pesce era passato muto e senza spine
Nell’Albione perfida e a modello cavalli mozzicanti
invece ch’er manganello s’era Partiti pe ‘nimpresa
de quella da raccontà davanti ar focolare
Tutto bruciava ‘npetto Muto er cellulare
Chi era rimasto in terra sanpietrina
era du giorni che nun dormiva come dormiva prima
Er traffico nun c’era, i semafori silenti
i dentisti s’erano rifiutati de cavà li denti
I televisori a palla coprivano li piatti apparecchiati
Quarcuno pannellava: sciopero dei carboidrati
Poi venne l’ora quella che non viè pe tutti
Eravamo tutti belli a papà nun esistevano piu’ li brutti
Nun era un sogno era reale
manco li gabbiani sur tetto der Quirinale
Parte l’orologio, fischia l’omo in giallo
partono le vene, pompa er core de metallo
Manco la prima scarica de adrenalina pura
che ar decimo, piu’ o meno, l’idraulico ce stura
Ce stura er lavandino dove nun score gnente
se non er er sangue de chi crede alla panza, e no alla mente
Tu pensi: daje! daje regà nun è successo gnente
E’ battaja, battaja dirompente
Via la maja dai carzoni sporcateve er battente!
Invece gnente li vedi rotola su un prato all’inglese
come na balla de fieno a Porta Portese
Poi parte un conto alla rovescia de manrovesci che ce danno
Pensi ancora: daje! basta poco! Si ma quanno
Nun c’è er tempo pe ferma er tempo boja
Pensi: mai, mai un giorno de gloria!
E qui a papa’ devi pensa,
che chi dopo sta sera d’aprile è annato a festeggia
la gioia troverà solo sulle disgrazie altrui
Pe sta gente nun c’e’ luce ma solo giorni bui
Perche’ chi pe soride deve vede’ piagne uno, mille e centomila
è uno che nella vita sua starà sempre in fila
Chi invece la prova la vita sulla pellaccia
nun starà mai a chiede un sorso da nantra borraccia
Sii orgoglioso papà da provà emozioni
davanti a undici leoni a vorte un po’ cojoni
E’ raro amore mio, è raro come te
e mamma tua
che dopo er sette a uno c’ha lasciato a sparecchià
li mortacci sua”

Valerio Mastrandrea